La differenza è che stavolta la sceneggiatura è stata evidentemente assemblata a furia di copia incolla insensati, con il supporto inesistente di caratterizzazioni che nemmeno nel corriere dei piccoli. Il finale, per i masochisti che ci arriveranno, non è da meno, risolto mediante il più subdolo degli stratagemmi narrativi. Spreco di risorse..

Uscita giovedì 24 maggio 2018. Oggi in 1 cinema distribuzione Angelika Vision.Quattro ragazze decidono di aiutare Jana, la più piccola del gruppo, a riprendersi dall’intervento con cui ha estirpato il suo gemello parassita. Sono cresciute tutte nello stesso orfanotrofio, ogni occasione è buona per tirare fuori ricordi e sensazioni condivise.

Al Ries and Laura Ries THE 22 IMMUTABLE LAWS OF BRANDING (2002)But it is here that football and conventional brand logic part company. Times, Sunday Times (2011)There is also no branding or advertising. The Sun (2014)Surely such success in design and branding proves that album artwork still matters? Times, Sunday Times (2013)It might save me from the branding iron after all.

Alessandro Canino ha conquistato il successo grazie a “Brutta”, una canzone che ancora oggi viene ricordata e cantata da diverse generazioni di ammiratori. Commerciale e orecchiabile, il suo brano è diventato popolare in un batter d’occhio e questo ha lasciato forse ancora più di stucco il giovane artista, che ha dovuto fare i conti in seguito con il silenzio delle case discografiche. Di quei momenti d’oro ha ricordato in particolare l’incontro sul palco con Pippo Baudo, che per presentarlo al pubblico lo ha preso sotto braccio e stretto “come se fossi stato suo figlio”.

Avete un fisico asciutto e un po’ androgino? La parola d’ordine in questo caso è femminilità. Sì ai bikini molto ‘risicati’, con preferenza per quelli che hanno il reggiseno che si allaccia dietro il collo perché fanno risaltare le spalle creando ‘movimento’ nella figura e lo slip con i laccetti sui fianchi. Il top sarebbe un modello con push up, ma se non vi sentite a vostro agio lasciate perdere, avrebbe l’effetto opposto.

Il programma, naturalmente, prevede una alternanza di lezioni teoriche e lezioni pratiche, dove verrà insegnato come progettare un paio di occhiali che oltre a essere un oggetto “bello” dovrà essere ergonomicamente perfetto, fatto su misura per chi dovrà indossarlo. Lezioni tecniche di costruzione degli occhiali (uso del pantografo, montaggio delle aste, animatura, montaggio delle cerniere ecc dunque, ma anche lezioni di Marketing e “Customer Service”, perché occorre imparare a confrontarsi con il cliente e capire esattamente le sue esigenze, soddisfare le sue aspettative. A tal fine, saranno parte integrante delle lezioni studi sul colore, lo stile, la fisiognomica e i materiali..

Lascia un commento